• L'Orto Botanico di Bari


  • Scheda informativa

    Itinerario per una visita

    Le collezioni

    Gli esemplari

    Elenco ordinato per genere

    Elenco ordinato per famiglia


    Home page dell'Orto Botanico di Bari


    Inviare suggerimenti, consigli e informazioni su questa pagina a damico@botanica.uniba.it

    Scheda informativa

    Nome:

    Istituto Ortobotanico - Università degli Studi di Bari

    Data di fondazione :

    1955

    Indirizzo :

    via E.Orabona, 4 - 70125 Bari (Italy)

    Telefono :

    (+80)5442152 - 5442153 Fax: (+80)5442148

    Posizione :

    latitudine 41°06´37" N, longitudine 12°27´8" E

    Quota :

    10 m slm

    Superficie totale :

    10.000 m2 Superficie serra : 145 m2

    Visite:

    dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30

    Per le visite guidate e ulteriori informazioni, contattare il curatore Saverio D'Amico


    Home page dell'Orto Botanico di Bari Inizio


     

     


    Le collezioni


    L'arricchimento numerico delle specie avvenuto negli ultimi anni ha interessato soprattutto quattro sezioni di rinnovato interesse:

    PALMAE

    Alle tradizionali presenze di Phoenix canariensis Chabaud, Washingtonia filifera (Linden) Wendl., Chamaerops humilis L., Trachycarpus fortunei (Hooker) Wendl. sono state aggiunte palme coltivabili in piena terra, scelte con criterio bioclimatico, di area neo-tropicale (Erythea armata (S.Wats.) S. Wats., E. edulis (Wandl.) Wats., Sabal palmetto (Walter) Loddiges), sud americana (Jubea chilensis (Molina) Baillon, Butia capitata (Martius) Beccari, Arecastrum romanzoffianum (Chamisso) Beccari), asiatica (Livistona chinensis (Jacq.) R.Br., Rhapis humilis Blume, Phoenix roebelenii O'Brien) e africana (Phoenix dactylifera L., Ph. reclinata Jacq.).

     

    AIZOACEAE

  • E´ stata recentemente acquisita una cospicua collezione in vaso di Lithops (circa 60 specie) e generi affini (Conophytum, Gibbaeum, Dinteranthus) coltivati in serra. Nell'intento di incrementare ulteriormente la collezione per seme si sono attivati rapporti di scambio con il Kisternbosch National Botanical Garden di Claremont, Repubblica Sud Africana.

     

     

     

    PIANTE PUGLIESI

    Sono state incrementate le attività di raccolta dei semi e moltiplicazione ex situ di specie della flora pugliese che rivestono particolare significato fitogeografico. La priorità dell'intervento è stata rivolta a tre specie dell'area garganica (Campanula garganica Ten., Viola graeca (W.Becker) Halacsy e Cistus clusii Dunal).

    Recentemente sono state poste in coltivazione numerose specie di Orchidacee della flora pugliese utilizzate per ricerche citotassonomiche. Sono presenti attualmente 35 taxa provenienti dai distretti del Gargano, Murgia di Nord-Ovest , Salento e Valle d'Itria. Sono rappresentati i generi: Ophrys, Orchis, Platanthera, Himantoglossum, Aceras, Serapias, Cephalanthera, Dactylorhiza e Barlia.

     

    ORNAMENTALI E OFFICINALI

    Sono considerate con particolare attenzione le specie di interesse ornamentale e del giardino tropicale. Collezioni di Musaceae, Leguminosae e Cycadaceae.

    Le specie di interesse officinale (115 taxa) soprattutto della flora italiana vengono costantemente incrementate. Le piante di recente introduzione (Grindelia robusta Nutt., Levisticum officinale Koch, Rumex acetosa L., Symphytum officinale L.) provengono dal Vivaio-Giardino delle Piante Officinali di Casola Valsenio, Ravenna.


  • Home page dell'Orto Botanico di Bari Inizio


    Inviare suggerimenti, consigli e informazioni su questa pagina a damico@botanica.uniba.it